IL DECRETO SUI TIROCINI IN TUNISIA

Condividi
  •  
  •  
  •  

S.A.I.C.

Società Scientifica

Scuola Archeologica Italiana di Cartagine

Documentazione, Formazione e Ricerca

Procedura comparativa pubblica per titoli per l’attribuzione di n. 5 borse di tirocinio per giovani studiosi tunisini, algerini, libici o marocchini di età inferiore ai 40 anni. Approvazione atti e graduatoria finale.

Il Presidente della Scuola Archeologica Italiana di CartagineVisto il bando per la procedura comparativa pubblica per titoli per l’attribuzione di n. 5 borse di tirocinio per giovani studiosi tunisini, algerini, libici o marocchini di età inferiore ai 40 anni, pubblicato con decreto del Presidente della SAIC in data 8 marzo 2020; visto e approvato il verbale del 21 maggio 2020 della Commissione Giudicatrice per la procedura nominata in data 8 maggio 2020 e composta dal Prof. Savino di Lernia (Presidente), dalla Prof. Paola Ruggeri (Componente), Prof. Alessandro Teatini (Segretario); Visti i criteri generali per la valutazione dei titoli come stabilito nell’Art. 6 del bando (valutazione del curriculum e dei titoli); constatato che sono pervenute n. 9 domande presentate dai candidati:

 

  1. Abir Ben Zbir;
  2. Amina Ben Rebah;
  3. Islem Ben Salem;
  4. Amir Gharbi;
  5. Maha Bannour;
  6. Amani Mednini;
  7. Mosbah Mabrouki;
  8. Riadh Chebbi;
  9. Zaineb Bohli.

 

La Commissione ha proceduto con la valutazione dei titoli di cui all’Art. 3 del bando e ha deliberato la seguente graduatoria di merito dei partecipanti alla procedura comparativa con i punteggi complessivi dei titoli e con l’aggiudicazione delle borse di tirocinio:

N

Candidato

 punteggio

Vincitore / idoneo / non idoneo

1

Mosbah Mabrouki

75

Vincitore

2

Maha Bannour

63

Vincitore

3

Amir Gharbi

62

Vincitore

4

Amina Ben Rebah

55

Vincitore

5

Zaineb Bohli

47

Vincitore

6

Amani Mednini

45

Idoneo

7

Abir Ben Zbir

30

Idoneo

8

Islem Ben Salem

27

Idoneo

9

Riadh Chebbi

25

Idoneo

 

 

Il Presidente sentito il parere del Consiglio scientifico e verificata la disponibilità di bilancio, dichiara che potranno godere della borsa sia i 5 vincitori (Mosbah Mabrouki, Maha Bannour, Amir Gharbi, Amina Ben Rebah, Zaineb Bohli) sia i 4 idonei così come previsto dall’art. 8 del bando (Amani Mednini, Abir Ben Zbir, Islem Ben Salem, Riadh Chebbi), con una spesa complessiva a carico della SAIC di 2700 euro, che potrà essere liquidata a favore dei direttori delle missioni, che produrranno regolare ricevuta firmata dai beneficiari. Il singolo borsista dovrà partecipare ai lavori sul terreno nell’ambito di una delle missioni archeologiche italo-tunisine attive in Tunisia nel corso dell’anno 2020. Il borsista dovrà utilizzare la borsa per coprire le spese di alloggio e vitto sul luogo della missione. La borsa avrà una durata corrispondente a quella delle attività della missione scelta ed indicata dal singolo borsista, fermo restando che la durata minima della permanenza del borsista sul luogo della missione non potrà comunque essere inferiore alle tre settimane. L’importo della borsa è pari a complessivi Euro 300,00, comprensivi degli oneri di legge a carico del percipiente. Le eventuali spese di viaggio per raggiungere il luogo della missione non sono comprese nella borsa e saranno dunque a carico del borsista. I borsisti sono tenuti a comunicare attraverso il responsabile italiano della missione i propri dati fiscali. Il pagamento della borsa sarà effettuato a saldo all’inizio del soggiorno del borsista sul luogo della missione archeologica, previa verifica dell’effettiva presenza in loco del borsista. Il borsista ha l’obbligo di svolgere le attività seguendo le indicazioni dei responsabili della missione archeologica prescelta. La borsa può essere revocata per giustificato motivo qualora il Presidente della SAIC ne faccia richiesta per iscritto al Consiglio scientifico della SAIC. In caso di rinuncia o impossibilità a iniziare l’attività, l’assegnatario perde il diritto alla borsa a far data dalla rinuncia o dalla accertata impossibilità. La borsista in gravidanza deve comunicare il proprio stato al servizio di prevenzione e protezione e al Presidente della SAIC. In collaborazione con il medico competente sono indicate le eventuali azioni per evitare qualunque rischio indebito. Lo svolgimento delle attività potrà essere interrotto obbligatoriamente per ragioni sanitarie, in rapporto all’epidemia di Corona Virus. I candidati potranno provvedere a proprie spese, entro trenta giorni dalla data di oggi, al recupero dei titoli e delle pubblicazioni inviate alla SAIC. Trascorso il periodo indicato, la SAIC non sarà responsabile in alcun modo della conservazione del materiale suddetto.

Sassari, 24 maggio 2020.

Con il contributo della FONDAZIONE DI SARDEGNA

 

                                                                                       Attilio Mastino

                                                                                           Presidente