Tabarka, Genova, Carloforte, Calasetta, Nueva Tabarka

Promosso dal Ministère des Affaires Culturelles e dal Ministère du Tourisme et de l’Artisanat il 5 maggio si svolgerà a Tabarka l’atteso incontro su “L’eredità culturale dell’avventura storica dei Tabarchini” che sarà aperto dall’intervento di Monique Longerstay

Maria Vittoria Longhi : Prix Fatima Fihriya pour la promotion de l’accés de la femme à la formation et aux responsabilités professionelles en Méditerranée

La prof. Maria Vittoria Longhi, direttrice dell’Istituto Italiano di Cultura di Tunisi, è stata insignita il 21 aprile 2018 del Prix Fatima Fihriya pour la promotion de l’accés de la femme à la formation et aux responsabilités professionelles en Méditerranée.

Il premio fa parte del Programma Med 21 e viene assegnato a coloro che si sono distinti nella promozione del ruolo della donna nella vita politica, sociale, economica, culturale e scientifica nei Paesi del Mediterraneo, in particolare nella promozione dell’accesso per le donne alla formazione e alle responsabilità professionali.

Un riconoscimento prestigioso davvero meritato.

Felicitazioni da parte della Scuola archeologica italiana di Cartagine

Le futur du patrimoine : l’informatique et les nouvelles recherches sur l’épigraphie latine d’Afrique

All’Università di Tunisi il 20 aprile 2018


Attilio Mastino (avec la contribution de Salvatore Ganga)
Le futur du patrimoine : l’informatique et les nouvelles recherches sur l’épigraphie latine d’Afrique

Tunis, 20 avril 2018

La toute récente publication du volume de l’Agence de mise en valeur du patrimoine et de promotion culturelle intitulé Carthage, maîtresse de la Méditerranée, capitale de l’Afrique (Histoire & Monuments, 1), (IXe siècle avant J.-C. – XIIIe siècle). AMVPPC, SAIC Sassari, Tunis 2018, S. AOUNALLAH, A. MASTINO (dir.), a permis de faire la synthèse de la réflexion sur les rapports historiques entre l’Afrique du Nord et l’Europe pendant l’Antiquité en partant des phases préhistoriques et protohistoriques du monde berbère jusqu’à la colonisation phénicienne, à la fondation d’Utique et de Carthage, à la politique méditerranéenne documentée par les traité étrusco-carthaginois et romano-carthaginois et jusqu’à Annibal et les larmes un peu hypocrites de Scipion Emilien ; vingt ans après la refondation de Carthage voulue par Caïus Gracchus, puis par César et par Octavien, la nouvelle urbanisation. Dans le livre 1 de l’Enéide, Virgile décrit les bâtisseurs de la Carthage de Didon qui s’affairent comme des milliers d’abeilles dans une ruche au début de l’été pour produire le miel au parfum de thym. Virgile résume le thème des rapports méditerranéens du monde ancien dans l’épisode de la tempête racontée dans le livre 1 de l’Enéide : partis de Drépane en Sicile où Anchise a été enterré, les navires d’Enée en arrivant au îles Eoliennes au nord-est de Messine sont dispersés par les vents qu’Eole a déchaînés à la demande de Junon.

Leggi tutto “Le futur du patrimoine : l’informatique et les nouvelles recherches sur l’épigraphie latine d’Afrique”

Gli impianti di adduzione idrica

Studi di Storia Antica e di Archeologia [ISSN: 2420-9635] è una collana destinata ad ospitare i risultati delle più significative ricerche in corso da parte di studiosi e giovani ricercatori italiani e stranieri, su alcuni dei temi centrali per la ricostruzione del mondo antico. Particolare attenzione sarà dedicata alle relazioni mediterranee ed alle trasformazioni culturali all’interno delle diverse province romane, con speciale attenzione per il Nord Africa e per la Sardegna; lo spettro arriverà a comprendere le nuove metodologie collegate all’archeologia dei paesaggi, all’archeometria, all’epigrafia.

Vai al sito della collana

L’AFRICA ROMANA XXI – Tunisi 6-9 dicembre 2018

IL XXI CONGRESSO INTERNAZIONALE DE L’AFRICA ROMANA
TUNISI 6-9 DICEMBRE 2018
—–
L’epigrafia latina del Nord Africa: novità, riletture, nuove sintesi
—–
Il Centro province romane dell’Università di Sassari ha diffuso oggi la prima circolare del XXI Convegno internazionale de “L’Africa Romana”, che avrà luogo a Tunisi dal 6 al 9 dicembre 2018.

LA PRIMA CIRCOLARE
Il Centro di Studi Interdisciplinari sulle Province Romane dell’Università degli Studi di Sassari, d’intesa con il Dipartimento di Storia, Scienze dell’Uomo e della Formazione, con il Dipartimento di Scienze Umanistiche e Sociali, con il Dipartimento di Storia, Beni Culturali e Territorio dell’Università di Cagliari, con l’Agence de Mise en Valeur du Patrimoine et de Promotion Culturelle, con l’Institut National du Patrimoine de Tunisie, con l’Istituto Italiano di Cultura di Tunisi e con la Scuola Archeologica Italiana di Cartagine, con il patrocinio dell’Association Internationale d’Épigraphie Grecque et Latine, con il contributo della Fondazione di Sardegna e del Ministero per gli Affari Esteri e la Cooperazione Internazionale, organizzano il ventunesimo Convegno internazionale di studi su “L’Africa Romana”, che si svolgerà a Tunisi presso l’Hotel Africa in Avenue Bourguiba tra il giovedì 6 la domenica 9 dicembre 2018 e sarà dedicato al tema «L’epigrafia latina del Nord Africa: novità, riletture, nuove sintesi». Non sono previste altre sessioni su temi differenti, È stato richiesto il patrocinio dell’ALECSO Organisation Arabe pour l’Education, la Culture et les Sciences.
In occasione del Convegno sono in programma alcune escursioni, presentazioni di volumi, mostre ed esposizioni.
Con la presente si informano gli studiosi interessati che le proposte di relazione con un riassunto di 15 righe debbono essere inviate entro e non oltre il mese di aprile 2018 al Dipartimento di Storia, Scienze dell’Uomo e della Formazione – Università degli Studi di Sassari (Viale Umberto n. 52) – I – 07100 SASSARI (e-mail: africaromana@uniss.it ). La presentazione delle circa 40 relazioni che saranno accettate dal Comitato scientifico internazionale non potrà superare i 20 minuti; il testo scritto dovrà essere consegnato alla Segreteria all’apertura del Convegno; il dattiloscritto definitivo (massimo 10 pagine) dovrà pervenire entro due mesi dalla chiusura del Convegno per la pubblicazione degli Atti, che si prevede sollecita: si pensa ad un unico volume di circa 500 pagine, pubblicato in onore di Angela Donati e curato da Samir Aounallah e Attilio Mastino. In sede locale l’organizzazione sarà curata da Sow Daouda dell’AMVPPC (email: daoudasow@yahoo.fr). Si svolgerà una sezione posters che sarà sintetizzata all’interno del volume.
Non sono previste quote di iscrizione. A carico dei congressisti saranno le spese di viaggio e di alloggio in pensione completa. Un numero limitato di biglietti aerei prepagati sarà riservato agli studiosi del Maghreb che presenteranno una comunicazione originale.

È possibile richiedere in cambio gli Atti del Convegno precedente scrivendo o telefonando al Dipartimento di Storia, Scienze dell’Uomo e della Formazione dell’Università degli Studi di Sassari.

I volumi della collana del Dipartimento di Storia possono essere commissionati all’Editore Carocci, Corso Vittorio Emanuele II, 229, 00186 ROMA, Tel. 06 42818417, fax 06 42747931, http://www.carocci.it/

I testi sono disponibili on line su UnissResearch (Sistema Bibliotecario di Ateneo dell’Università di Sassari) oppure direttamente alla pagina Pubblicazioni del Centro Studi Interdisciplinari sulle Province Romane.

Il sito online dedicato ai Convegni de “L’africa Romana” è raggiungibile a questo link.

Ulteriori informazioni oltre che su questo sito possono essere reperite sulla pagina Facebook della SAIC, Scuola archeologica italiana di Cartagine.
I numeri telefonici del Dipartimento di Storia, Scienze dell’Uomo e della Formazione sono i seguenti: (+39) 0792065203 (Mastino), (+39) 0792065233 (Gavini), (+39) 2065231 (Cocco, Ruggeri, Zucca). I colleghi interessati a trasmettere comunicati e novità potranno utilizzare il seguente indirizzo di posta elettronica: africaromana@uniss.it
Ulteriori informazioni organizzative saranno comunicate con la seconda circolare nel mese di aprile.

Il dio africano Sardus Pater figlio dell’Eracle libico in Sardegna

La vitalità delle antiche tradizioni pagane in Sardegna è testimoniata simbolicamente dalla dedica effettuata tra il 212 ed il 217 d.C. all’imperatore Caracalla, in occasione dei restauri dell’antico tempio di Antas (comune di Fluminimaggiore, Sardegna sud-occidentale): un edificio che integrava il culto imperiale (fondato su un’articolata organizzazione provinciale) con il culto salutifero del grande dio eponimo della Sardegna arrivato dal Nord Africa, il Sardus Pater figlio del libico Maceride, interpretatio romana del dio fenicio di Sidone (Sid figlio di Melkart), dell’eroe greco Iolao compagno di Eracle e probabilmente dell’arcaico Babi, forse un dio venerato da età preistorica.
Risulta singolare il fatto che la dedica epigrafica in dativo, la quale collega il tempio del dio nazionale dei Sardi al nome dell’imperatore Caracalla negli anni della “ripresa cosmocratica”, sia stata effettuata una ventina d’anni dopo la prima vicenda a noi nota nella vicina area mineraria: qui era stato esiliato un gruppo cristiani romani, inviati in condizioni di schiavitù secondo Ippolito eis metallon Sardonias e liberati per l’intervento di Marcia, la compagna di Commodo. Tra essi era anche il futuro papa Callisto dopo il fallimento della banca di Carpoforo. Vicenda localizzata nelle vicine miniere sulcitane rette da un procuratore imperiale, un epitropeuon tes choras nell’età di Commodo, personaggio apparentemente analogo al proc(urator) metallorum et praediorum, un liberto imperiale di età severiana, forse a Metalla e in quella stessa valle di Antas attraversata dalla strada a Tibula Sulcos.

Il distretto minerario appare fortemente presidiato dall’esercito romano e in particolare dalla cohors I Sardorum nei primi secoli dell’impero, in relazione proprio alla sorveglianza sui deportati e sugli schiavi impiegati nell’estrazione dei minerali (in particolare piombo argentifero). Il nome in dativo dell’imperatore sembrerebbe farci escludere che l’iniziativa del restauro del tempio sia stata assunta da Caracalla; più probabilmente da un funzionario imperiale presente in Sardegna, forse il governatore provinciale; più difficilmente dal responsabile dell’area mineraria, dato che il procuratore a noi noto negli stessi anni è un liberto imperiale.
Qui in onore di Caracalla ammalato, fervente ammiratore di Ercole e Libero (dii patrii di Leptis Magna, città natale proprio dell’imperatore) fu restaurato il tempio di Sardus Pater e di suo padre libico Eracle-Maceride-Melkart: la loro immagine emerge ora sorprendentemente dalle terrecotte architettoniche conservate al Museo di Fluminimaggiore, accompagnate dalle figure di Demetra-Cerere e proprio di Libero-Dioniso. E questo in una dimensione tutta interna alla Sardegna, addirittura “identitaria”, se veramente Cerere allude alla produzione di grano dell’agricoltura sarda e forse alla fortuna dei populares nell’isola alla fine dell’età repubblicana; e se Libero-Dioniso-Bacco collegano le origini della dinastia severiana proveniente dalla Tripolitania con il lontanissimo ricordo dei Sardolibici isolani, noti per l’amore per il simposio e la loro caratteristica kulix, la coppa per bere il vino: forse un modo per richiamare antichi contatti tra la Sardegna e la Libia. Infine Sardus Pater è collocato in una posizione di rilievo, accanto ad Ercole, con la caratteristica corona ornata da tre file di penne, il calathos piumato con un’iconografia che coincide con l’immagine rappresentata sulle monete di età triumvirale coniate da Ottaviano per ricordare un antenato, Marco Azio Balbo governatore dell’isola: il dio presenta quelle caratteristica “nazionali” e addirittura “regali” (già ben documentate per Sid) che richiamano l’eleutheria dei Sardi della Barbaria ricordata da Diodoro Siculo proprio in età triumvirale. Né va dimenticato che un altro antenato rimane sullo sfondo, Settimio Severo, padre di Caracalla, originario di Leptis Magna in Tripolitania, che aveva governato come questore l’isola nel 174 d.C. Il santuario ha rappresentato nell’antichità preistorica, poi in quella punica e soprattutto in età romana, il luogo alto dove era ricapitolata tutta la storia del popolo sardo, nelle sue chiusure e resistenze, ma anche nella sua capacità di adattarsi e di confrontarsi con le culture mediterranee.

Antas (Fluminimaggiore), Il tempio

1. CIL X 7539
Imp(eratori) [Caes(ari) M(arco)] Aurelio Antonino Aug(usto) P(io) f(elici). Temp[l(um) D]ei [Sa]rdi Patris Bab[i..], / ve[tustate c]on[lap(sum)] a [funda]m(entis) restitue[nd(um)] cur[avit] Q(uintus) Co[ce]ius Proculus [p(raefectus) p(rovinciae) S(ardiniae) ?].

Traduzione: All’imperatore Cesare Marco Aurelio Antonino Augusto, Pio, Felice. Il [prefetto della provincia Sardinia] Quinto Coceio Proculo ha curato che venisse restaurato dalle fondamenta il tempio del dio Sardus Pater Bab[i..], rovinato dal tempo.

Carthage, maîtresse de la Méditerranée


Attilio Mastino
La Cartagine di Virgilio e di Augusto

La recentissima pubblicazione del volume voluto dall’Agence de mise en valeur du patrimoine et de promotion culturelle intitolato Carthage, maîtresse de la Méditerranée, capitale de l’Afrique (Histoire & Monuments, 1), (IXe siècle avant J.-C. — XIIIe siècle). AMVPPC, SAIC Sassari, Tunisi 2018, S. Aounallah, A. Mastino (a cura di), ha portato a sintesi la riflessione sulle relazioni storiche tra Nord Africa ed Europa in età antica partendo dalle fasi preistoriche e protostoriche del mondo berbero per arrivare alla colonizzazione fenicia, alla fondazione di Utica e Cartagine, alla politica mediterranea documentata dai trattati etrusco-cartaginesi e romano-cartaginesi, per arrivare ad Annibale e al pianto un po’ ipocrita di Scipione l’Emiliano; vent’anni dopo la rifondazione di Cartagine voluta da Gaio Gracco, poi da Cesare e da Ottaviano, la nuova urbanizzazione. Virgilio nel I libro dell’Eneide rappresenta i costruttori della Cartagine di Didone che si affaccendano come migliaia di api in un alveare al principio dell’estate per produrre il miele che profuma di timo.

Virgilio riassume il tema delle relazioni mediterranee nel mondo antico nell’episodio della tempesta raccontato nel I libro dell’Eneide: le navi di Enea, partite da Drepanum in Sicilia, dove è stato sepolto Anchise, arrivate all’altezza delle isole Eolie a Nordovest di Messina vengono disperse dai venti scatenati da Eolo, istigato da Giunone. La tramontana (Aquilo) investe la vela della nave di Enea e solleva le onde fino al cielo; si spezzano i remi e la nave, offrendo i fianchi ai marosi, è ormai incapace di governare; le onde frante in cresta minacciano la stabilità di alcune triremi, mentre le altre sono spinte verso le secche, dove si formano mulinelli di sabbia. Notus, il vento da Sud corrispondente all’austro, getta tre navi sugli scogli, su quei saxa latentia chiamati Arae dagli Itali, che si innalzano sul mare di Libia con un dorso smisurato. Euro poi, vento di Sud-Est (dunque lo scirocco), spinge altre tre navi (si noti la ripetuta triplicazione rituale), le incaglia sui fondali e le circonda a poppa e sui fianchi con un argine di sabbia, rendendo impossibile la navigazione; è appunto ad Euro che è attribuita da Enea la responsabilità maggiore della presunta perdita di 13 delle 20 navi. Una settima nave, quella dei Licii guidata da Oronte, viene investita di poppa da un’ondata ed affonda in un vortice dopo aver ruotato per tre volte su sé stessa; alla fine risulterà essere l’unica nave andata a fondo.

Anche altre navi si trovano in difficoltà, perché le ondate provocano ampi squarci lungo le fiancate, aprendo pericolose falle; alcune sono gettate dagli austri (ancora Noto) in vada caeca …./…. perque invia saxa, anche se poi gli Eneadi riescono a toccare terra.
Si discute sulla localizzazione della flotta di Enea durante la tempesta e sulla durata della navigazione inizialmente in direzione dell’Ausonia, il Lazio abitato dai Silvii e poi dai Latini, quindi verso la Cartagine di Didone: Servio identificava le Arae del v. 109 con le Arae Neptuniae o Propitiae, scogli tra Africa, Sicilia, Sardegna ed Italia; su tali scogli (residuo di una più vasta isola sommersa), scelti ad indicare il confine tra l’impero romano e l’area sottoposta al controllo cartaginese, sarebbe stato stipulato uno dei trattati tra Roma e Cartagine, forse quello del 234 a.C.: ibi Afri et Romani foedus inierunt et fines imperii sui illic esse voluerunt. Si tratterebbe dello scoglio Keith nella grande secca di Skerki, ove i fondali sabbiosi raggiungono a 4 metri di profondità e dove è certo difficile navigare col mare in burrasca, anche per le imbarcazioni di modesto pescaggio quali dovevano essere le triremi immaginate da Virgilio, a causa della forte corrente ed in qualche caso dei frangenti.

Alcuni Troiani avrebbero raggiunto la Sardegna, mentre Enea avrebbe navigato verso Sud raggiungendo Cartagine in costruzione (dove avrebbe conosciuto la Regina fenicia Didone):

Vrbs antiqua fuit, Tyrii tenuere coloni,
Karthago, Italiam contra Tiberinaque longe
ostia, diues opum studiisque asperrima belli.

Anche oggi dobbiamo partire dall’immagine dei costruttori di Cartagine, sulla Byrsa, gli architetti della regina Didone che Virgilio rappresenta affaccendati e impegnati nella costruzione della colonia fenicia, con le sue mura, con le sue torri, con i suoi templi. Appare evidente che Virgilio pensa alla colonia augustea che negli anni in cui scrive sorge come una grande capitale mediterranea ricca dei prodotti provenienti dall’ampio retroterra numida. Nel fervore degli structores Tyrii di Carthago, Enea profugo da Troia, è insieme hospes accolto con rispetto dalla Regina poi hostis maledetto per generazioni: egli osserva, con gli occhi di Virgilio, il solco dell’aratro che segna il limite sacro di una colonia, rinnovando il dolore e la speranza che anima coloro i quali costruiscono una nuova città, in contrasto con la sua originaria patria -Ilio- distrutta dalle fiamme. Non c’è dubbio che Virgilio rifletta nel racconto della Cartagine nascente l’esperienza urbanologica di età augustea in Africa, con il theatrum dalle immanes columnae della frons scaenae tratte dalle cave in cui maestranze addestrate lavorano indefessamente a trarre il materiale lapideo della nuova città. O ancora con le portae delle mura e gli strata viarum, le viae urbane silice stratae; la basilica giudiziaria; il teatro. I versi virgiliani esaltano l’attività degli uomini di buona volontà, anche se pure gli dei e le dee sono considerati a tutti gli effetti coinvolti in uno studium e in un’ars che nobilita chi la pratica. Più in generale, Virgilio trova le parole per rappresentare il paesaggio trasformato dall’uomo ai margini del lago di Tunisi, presso il tempio di Giunone eretto dalla regina, là dove si era compiuto il magico ritrovamento del teschio di un cavallo annunciato dall’oracolo. Del resto come dimenticare l’iperbole virgiliana di Melibeo già della prima Ecloga, At nos hinc alii sitientes ibimus Afros.